Mistero del XXI secolo – Satoshi Nakamoto

Non condividere il tuo segreto con le persone, 

Dopotutto, non sai quale di loro è cattivo. 

Come gestisci tu stesso la creazione di Dio, 

Aspettati lo stesso dalle persone

Omar Khayyam

Satoshi Nakamoto è il creatore di Bitcoin e l’autore del suo documento originale. Ma chi è veramente? La risposta a questa domanda ha eluso per anni i fan delle criptovalute e gli investigatori professionisti, rendendolo il più grande mistero del secolo..

Sotto la copertura del mistero

Uno degli aspetti sorprendenti di Bitcoin è che il creatore è ancora sconosciuto. “Satoshi Nakamoto” è uno pseudonimo. E lo amo. Troppo spesso con le grandi invenzioni della storia, ci sono nomi che ottengono una quota ingiusta di fama solo perché compaiono nei registri dei brevetti. Questo è almeno ingiusto e crea una falsa narrazione.

Pensa a tutte le persone famose come Eli Whitney, i fratelli Wright e Thomas Edison. Nessuno discute: persone straordinarie, ma il loro contributo è stato notevolmente sopravvalutato rispetto ad altri che lavorano allo stesso progetto allo stesso tempo. Dopotutto, c’è ancora una disputa su chi sia stato esattamente il primo pilota..

Tuttavia, nessuno sa chi abbia inventato il ferro di cavallo, che ha cambiato radicalmente la produttività agricola. Solo dopo l’invenzione dei record di brevetto riconosciamo il nome dietro innovazione.

Quindi Satoshi Nakamoto

Bitcoin è diverso. La sua tecnologia è stata trasferita nel mondo, evitando sia la “proprietà intellettuale” che le reti commerciali a pagamento. E questo è il nome! Sembra così strano, e ora è leggendario, soprattutto perché nessuno sa esattamente chi sia. Alcuni hanno persino tentato di rivendicare il titolo di “Creatore”, ma tale affermazione sembra essere un fallimento. “Satoshi” è apparso e poi è scomparso. E vorrei che restasse così per sempre.

Nakamoto ha inventato il bitcoin nel 2009 e abbiamo i record blockchain come prova, ma a parte questo, si sa poco del misterioso creatore della criptovaluta. In effetti, non è nemmeno chiaro se Satoshi sia umano. È possibile che questo nome sia solo uno pseudonimo per un gruppo di sviluppo o crittografi.

Oltre a compilare il white paper originale di Bitcoin, Nakamoto è responsabile dell’implementazione di molte delle scoperte chiave avvenute nei primi giorni di Bitcoin. Considerato il padre fondatore di Cue Ball, ha contribuito a creare il primo database blockchain. Ha anche distribuito la prima copia funzionante di Bitcoin nel 2009.

Anche il ruolo di Nakamoto come primo minatore è oggetto di un attento esame. I registri pubblici mostrano che i suoi indirizzi noti contengono circa 1 milione di BTC, che all’attuale valore di mercato lo renderebbe quasi certamente una delle persone più ricche del mondo.!

L’intenso interesse nel trovare questo misterioso miliardario ha catturato l’immaginazione di molti, ma lo stesso Nakamoto rimane sfuggente..

Origine del creatore di Bitcoin 

Numerosi studi approfonditi sono stati effettuati per stabilire la vera identità di Nakamoto, senza alcun risultato. E sebbene siano stati trovati alcuni fatti, nessuno è stato in grado di giungere a un’unica conclusione..

A complicare le cose, dopo la creazione di Bitcoin, Nakamoto è effettivamente andato sottoterra, e dal 2009 non si è più saputo nulla di lui..

Sul forum di networking globale, Nakamoto ha inizialmente dichiarato di essere residente in Giappone, nato nel 1975. Nello stesso anno, Nakamoto creò il forum BitcoinTalk e pubblicò il primo post sul sito con il suo pseudonimo “Satoshi”.

Nakamoto ha continuato a lavorare sul codice sorgente Bitcoin e ha rilasciato aggiornamenti del protocollo fino alla metà del 2010. Allo stesso tempo, ha trasferito il controllo del codice sorgente della rete al leggendario sviluppatore Gavin Andresen, che ha poi iniziato a guidare lo sviluppo del progetto. Poi Nakamoto è andato nell’ombra.

All’inizio di quest’anno, il mondo ha ricevuto una breve mail da Nakamoto sotto forma di un estratto del libro presumibilmente scritto da lui. Ma anche questa informazione è di dubbia origine..

Dopo anni di ricerche, Satoshi Nakamoto è diventato un personaggio quasi mitico nel settore delle criptovalute. Centinaia di analisti, ricercatori e giornalisti hanno fatto ampi tentativi di contattarlo (o lei o loro), senza alcun risultato..

Al momento, solo una cosa è stata determinata: Nakamoto non vuole essere trovato. Non è così male. La sua identità è già diventata uno dei misteri più duraturi della tecnologia, ma è anche una storia di democratizzazione e innovazione..

Queste persone potrebbero essere Satoshi Nakamoto?

I membri della comunità crittografica discutono da anni sulle vere origini di Satoshi Nakamoto..

Le opinioni su chi siano i “veri Satoshi” sono ancora divise. Dopo aver setacciato centinaia di potenziali Satoshi, la maggior parte del mondo crittografico sembra concordare sul fatto che è probabile che Nakamoto possa essere una delle seguenti persone:

Nick Szabo

Nonostante le ripetute smentite che sia effettivamente il creatore di Bitcoin, non c’è dubbio che il leggendario scienziato informatico Nick Szabo sia quello che tutti stanno cercando..

In molti modi, Szabo era un uomo in anticipo sui tempi ed è accreditato di aver creato “Bit Gold”, il predecessore di Bitcoin. Bit Gold è stato uno dei primi esempi di valuta digitale valida.

Quando Szabo ha postato retrospettivamente il post sul blog, molti lo hanno preso come un segno. Si riferisce a Bit Gold, la data in cui Bitcoin è stato effettivamente lanciato. Ciò ha portato alcuni a credere che il misterioso geek fosse in realtà Nakamoto Sam..

Hal Finney 

Molti hanno “ingoiato” uno degli argomenti più convincenti mai fatti, comparendo su una mailing list privata chiamata CounterMarkets del programmatore e scrittore Vin Armani. Dimostra in modo convincente che il vero Satoshi è Hal Finney (1956-2014). 

Gran parte del sospetto che Finney fosse il creatore di Bitcoin si basa su un fatto importante. L’ex sviluppatore PGP ha effettivamente ricevuto la primissima transazione Bitcoin mai effettuata dallo stesso Nakamoto. È stato uno dei primi utenti regolari di Bitcoin e ha partecipato attivamente ai forum della comunità nei primi giorni della criptovaluta..

Finney è noto per essere un ardente sostenitore della crittografia. Ha inventato uno dei primi sistemi di controllo sanitario (che in seguito si è rivelato essere parte integrante di Bitcoin, la sua funzionalità principale) nel 2004, più di cinque anni prima del debutto della criptovaluta..

È interessante notare che in ogni fase della partecipazione di Satoshi a Bitcoin, “Hal era presente”. Era sulla mailing list della cripta, dove Satoshi ha pubblicato sia il white paper che il software client originale. Ha partecipato a entrambi i temi. Nessun altro sospettato di Satoshi ha partecipato a questi argomenti. 

Hal è stata la prima persona oltre a Satoshi a lanciare il software client Bitcoin. In altre parole, è stato il primo minatore oltre a Satoshi e il primo destinatario della transazione BTC. In effetti, Satoshi non ha nemmeno inviato la transazione di prova a se stesso prima di inviare Hal. 

Hal è stato il primo autore di codice (comprese le correzioni di bug nella prima settimana) per il progetto Satoshi. È stata anche l’ultima persona a cui Satoshi ha risposto in modo specifico sul forum BitcoinTalk prima di scomparire.. 

Fatto interessante!

Una delle cose più interessanti di Hal è stata quella di Crypto Twitter. Hal, e solo Hal, era all’inizio di Crypto Twitter. La sera del 10 gennaio 2009, è andato su Twitter e la parola “bitcoin” è entrata per la prima volta nel database di questo social network. Hal ha annunciato al mondo con un semplice tweet di due parole che stava “lanciando bitcoin”. 

Ha parlato di questo momento in una sorta di “post d’addio” sui forum di BitcoinTalk nel 2013. “Quando Satoshi ha annunciato la prima versione del software, ci ho subito provato e penso di essere stata la prima persona oltre a Satoshi a eseguire bitcoin. Ed ero il destinatario della prima transazione bitcoin quando Satoshi mi ha inviato dieci monete come test “, ha scritto.

Ci sono stati altri due tweet da Finney e Armani afferma che entrambi supportano questa idea. Per quanto riguarda la motivazione dietro l’immagine fantoccio di Finney, è chiaro che l’inventore di nuova moneta privata, che in linea di principio potrebbe soppiantare le banche centrali e tutte le macchine da stampa statali nel mondo, vorrebbe rimanere anonimo.

Feeney ha ripetutamente negato di essere Satoshi Nakamoto. Organizzazioni giornalistiche e giornalisti hanno continuato a parlarne fino alla sua tragica morte a metà 2014. Ecco una nota che ha scritto il 19 marzo 2013:

“Quando Satoshi ha annunciato Bitcoin sulla mailing list delle criptovalute, ha ricevuto un benvenuto scettico. I crittografi hanno visto troppi grandi progetti di niubbi ignoranti “..

Questo sta iniziando a sembrare dannatamente convincente, giusto? Ma questo è un problema di questo tipo di teorizzazione: le teorie del complotto di ogni tipo possono diventare “buchi neri”. Se dichiari la tua conclusione in anticipo e poi trovi i fatti, tutto inizia a sembrare una prova..

Nakamoto o no, Finney è stato senza dubbio un contributore chiave allo sviluppo di Bitcoin e la sua eredità continuerà a vivere..

Craig Wright

Di tutti i sospetti che siano Nakamoto che hanno negato il loro presunto ruolo nella creazione di Bitcoin, almeno uno dall’inizio si è proposto di dimostrare il contrario. Lo scienziato australiano Craig Wright ha affermato di essere il creatore di Bitcoin per molti anni.

Nel 2016, avrebbe firmato diversi messaggi con alcune delle prime chiavi crittografiche di Bitcoin nel tentativo di verificare la sua identità alla BBC e all’Economist. I critici hanno quindi sostenuto che le chiavi in ​​questione erano state semplicemente riutilizzate da transazioni precedenti. Da soli, non hanno dimostrato che Wright fosse Nakamoto..

Wright in seguito affermò di non essere Nakamoto in persona e che Satoshi Nakamoto era una squadra di persone di cui era il leader. Molti hanno detto di aver ricordato con un sorriso l’incontro con Wright a varie conferenze. È stato presentato a tutti come Satoshi Nakamoto.

Wright rimane uno degli obiettivi principali nel dibattito in corso sulla persona di Satoshi Nakamoto nella comunità crittografica.. 

Dorian Nakamoto

Nel 2014, la rivista Newsweek ha deciso che aveva la sensazione del secolo. Ha identificato il 67enne residente in California come il creatore di Bitcoin, ma la sua ipotesi si è rivelata sbagliata. L’anziano ingegnere Dorian Nakamoto ha ripetutamente negato di essere il creatore della criptovaluta.

È interessante notare che Hal Finney ha vissuto per anni accanto al sospetto Dorian. Ciò ha portato alcuni a credere che Finney fosse davvero il creatore della criptovaluta e che lo stesso Dorian fosse la mente dietro l’ormai famoso alias. Finney ha negato questo, ma la coincidenza è troppo intrigante perché alcuni la prendano e dimentichino..

Ironia della sorte, Dorian Nakamoto è diventato da allora uno dei tanti volti pubblici di Bitcoin. Il fisico un tempo in pensione ora viaggia per il mondo parlando del potere della crittografia e di come la criptovaluta possa democratizzare l’accesso ai mercati finanziari..

La vera identità di Satoshi rimane un mistero

Nonostante tutte le prove su Internet, non è ancora chiaro chi (o cosa) si nasconda effettivamente sotto il nome di Nakamoto. L’analisi dei ricercatori di criptovaluta ha mostrato che sebbene Nakamoto affermasse di essere giapponese, non è affatto così. La storia dei suoi post sul forum nei primi giorni di Bitcoin mostrava il fuso orario dell’Europa o del Nord America..

Inoltre, la maggior parte della lingua usata da Satoshi nei suoi primi post sul forum è l’inglese britannico. È anche raro nella maggior parte delle persone che parlano giapponese come prima lingua..

In tutto, decine di persone hanno rilasciato dichiarazioni o sono state identificate come il “vero” Satoshi Nakamoto. Diventa sempre più probabile che il mondo non conoscerà mai la vera identità di Satoshi Nakamoto.

Conclusione

Se il vero Satoshi apparisse oggi, la sua cache di Bitcoin lo renderebbe più ricco di $ 6 miliardi su una sola cripta. Chi controlla le chiavi private ha accesso ad esse e il mondo le controlla per vedere quando si muovono. Ma potrebbero non muoversi mai. Meglio che rimangano dove sono e che l’identità di Satoshi rimanga per sempre un mistero..

Tutte le innovazioni davvero eccezionali sono il crowdsourcing. Il genio è individuale, ma nessuna persona ha la capacità intellettuale di creare qualcosa di veramente significativo da zero. Questo vale anche per musica, prodotti, idee e software di trasformazione..

In effetti, in una delle sue ultime note prima della sua scomparsa, Satoshi scrisse: 

“Vorrei che tu non continuassi a parlare di me come di una misteriosa figura d’ombra. La stampa lo trasforma in un argomento di “valuta pirata”. Invece, parla del progetto open source e dai credito ai tuoi sviluppatori. Aiuta a motivarli. “.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
map