“La banca centrale è una banca attraverso la quale lo Stato interferisce negli affari delle banche private e che, a differenza di loro, può stampare essa stessa il denaro di cui ha bisogno”.

K. Goeppert e K. Pat

Recentemente, gli sviluppatori di criptovalute hanno rivolto la loro attenzione a un criterio come la stabilità, che era in una certa misura prevedibile. Per contrastare la volatilità degli asset crittografici, sono stati creati i cosiddetti stablecoin, che sono stati presi come base per gli asset crittografici di stato della Banca Centrale. Quello che c’è da sapere sui progetti delle banche centrali e qual è il loro scopo, te lo diremo in questa recensione..

La ragione per l’emergere della criptovaluta di stato

Per evitare fluttuazioni selvagge comuni alle criptovalute convenzionali, le stablecoin sono supportate da asset, che consentono loro di essere ancorate a fiat come dollari, euro e persino yuan..

L’aumento della popolarità delle stablecoin può essere visto come un guadagno per gli asset a cui sono legati. Ma mentre si diffondono, le banche centrali affrontano sfide nel controllo dell’offerta di moneta..

Alcune banche centrali, come la Banca popolare cinese, hanno già affermato che gli emittenti non bancari devono necessariamente avere contanti, non obbligazioni o altri titoli, come garanzia e mantenerli presso la banca centrale, non in istituzioni private..

Altre banche centrali stanno prendendo in considerazione l’emissione di proprie “valute digitali” concorrenti note come CBDC. Ritengono che l’aumento delle stablecoin rifletta un divario di mercato causato dall’incapacità del settore bancario formale di soddisfare la domanda di sistemi di pagamento transfrontalieri a basso costo e senza problemi..

Sulla base di ciò, le banche centrali vogliono colmare il vuoto e rallentare la crescita della concorrenza non bancaria emettendo valute governative digitali al pubblico in generale. Ciò può essere facile perché le banche centrali forniscono già servizi di regolamento digitale in tempo reale altamente efficienti alle banche che controllano..

Gli entusiasti del CBDC sostengono che ci sono anche altri vantaggi: consentiranno alle banche centrali di imporre tassi di interesse negativi molto ampiamente quando necessario e fornire al mercato risorse sicure illimitate. Questo apre la strada al rilascio di criptovalute governative per i pagamenti globali. Ma l’emissione di una CBDC, per definizione, costringerebbe le banche centrali a fare di tutto, dalla gestione dei reclami pubblici e delle richieste degli utenti alle recensioni dei clienti conosciuti e all’antiriciclaggio. A causa della mancanza di esperienza, non vi è alcuna garanzia che saranno in grado di svolgere questo lavoro in modo più economico ed efficiente rispetto al settore bancario tradizionale.

Concetto di valuta digitale della banca centrale

Diverse banche centrali hanno iniziato a esplorare la possibilità di emettere le proprie valute digitali. Ciò è stato determinato dal successo delle nuove tecnologie nel settore finanziario, dalla diminuzione dell’uso del contante e dalla crescita delle valute digitali e l’introduzione del CBDC avrà implicazioni per il ruolo della Banca centrale e potrebbe influenzare l’intermediazione finanziaria..

L’asset digitale CBDC (secondo le banche) ha le seguenti caratteristiche:

  • L’accesso ad esso è più ampio che alle riserve;
  • Molte più funzionalità per le operazioni al dettaglio rispetto ai contanti;
  • Ha una struttura operativa separata;
  • Può guadagnare interessi in base a ipotesi realistiche pagando un tasso diverso dal tasso di riserva;

La criptovaluta di stato presenta i seguenti vantaggi:

  • Disponibile al pubblico senza alcuna restrizione e riconosciuto come legale;
  • Può assumere varie forme a seconda del pagamento esistente;
  • Una forma di pagamento legalmente riconosciuta e rappresenta i fondi della Banca Centrale e dello Stato.
  • La banca centrale garantisce direttamente la convertibilità della CBDC alla pari in contanti o riserve;
  • La Banca Centrale può decidere di pagare il tasso di interesse sulle passività CBDC in linea con la struttura dei tassi di interesse di altre passività governative e con gli obiettivi più ampi di politica monetaria e stabilità finanziaria della Banca Centrale;
  • Agisce come mezzo di regolamentazione finale di tasse, commissioni, multe e obblighi privati;
  • Più sicuro per transazioni e depositi rispetto alle transazioni di banche commerciali;
  • Calcolo più veloce;
  • Migliora l’efficienza e la sicurezza dei sistemi di pagamento sia al dettaglio che di grandi dimensioni. Nella vendita al dettaglio, l’attenzione è su come la valuta digitale può migliorare l’efficienza dei pagamenti, come il punto vendita (POS), online e peer-to-peer (P2P).

Problemi di politica monetaria per la crittografia del governo e i suoi svantaggi

Tuttavia, nel tentativo di comprendere le implicazioni macroeconomiche dell’adozione del CBDC, le banche centrali devono far fronte a una mancanza di esperienza storica..

Le banche centrali temono che se l’uso di moneta fiat viene ridotto in modo significativo, la politica monetaria della banca centrale sarà influenzata dalla politica dell’emittente di moneta elettronica, che potrebbe indebolire gravemente la trasmissione della politica monetaria, oltre a limitare la della banca centrale a fungere da prestatore di ultima istanza..

L’emissione di valuta governativa digitale da parte della Banca Centrale potrebbe ostacolare tale concorrenza se si intende essere un perfetto sostituto della moneta elettronica privata..

Il rischio di sbagliarsi su questo tema è significativo, quindi la maggior parte delle banche centrali deve affrontare tutto con cautela. A seconda del modello CBDC, le banche centrali corrono il rischio di escludere le banche commerciali, che sono una fonte vitale di finanziamento per l’economia reale, o di assumersi i rischi diretti e le complicazioni dell’attività bancaria per le masse. Le sfide nel gestire una nuova attività per loro possono minare la fiducia del pubblico su cui fanno affidamento le banche centrali, consentendo loro di intraprendere azioni impopolari di volta in volta, come l’aumento dei tassi di interesse..

Conclusioni e decisioni prese in diversi paesi

Le banche centrali sono state costrette a rispondere al drammatico sviluppo delle criptovalute e all’aumento dell’efficienza dei sistemi di pagamento. Molti di loro hanno intrapreso progetti di ricerca per esplorare il potenziale per l’emissione di una cripta del governo. I vantaggi della tecnologia Blockchain per migliorare le funzioni pubbliche stanno diventando sempre più popolari in alcuni paesi che cercano di attrarre investimenti in questo settore.

La criptovaluta è una valuta digitale in cui vengono utilizzate tecniche di crittografia per regolare la generazione di unità monetarie e verificare il trasferimento di fondi, operando indipendentemente dalla banca centrale. Le banche centrali si sono avvicinate in modo diverso alla conclusione sui potenziali benefici della cripta statale per il loro paese. Hanno anche punti di vista diversi sulle criptovalute e sulle tecnologie Blockchain..

La crisi finanziaria globale ha fatto molto per cambiare il panorama finanziario e la fiducia delle persone nel sistema bancario. L’ascesa della criptovaluta lo deve al fatto che offre un modo alternativo di immagazzinare denaro ed effettuare pagamenti senza fare affidamento sul sistema bancario tradizionale e sul controllo del governo. Le criptovalute sono imperfette nella loro forma attuale, ma possono svolgere un ruolo importante nella partecipazione economica globale e protezione dagli sforzi eccessivi del governo..

Le criptovalute stanno sfidando i pilastri tradizionali del sistema finanziario e, in questo contesto, le banche centrali affrontano la minaccia che gli individui saranno in grado di immagazzinare, spendere e spostare fondi senza fare affidamento sulla valuta fiat. Questa è un’enorme minaccia al ruolo tradizionale svolto dalla Banca centrale nella politica monetaria, e quindi non sorprende che l’analisi e la previsione delle possibili conseguenze dell’introduzione di criptovalute di proprietà statale nelle banche sviluppate stiano guadagnando slancio..

Paesi che considerano o sperimentano la cripta del governo:

Ecuador

La Banca Centrale dell’Ecuador, che ha adottato il dollaro USA come moneta a corso legale nel 2000, è stata leader nell’emissione di CBDC al dettaglio (chiamate “dinero electrónico”) nel 2014 come strumento di pagamento aggiuntivo. Gli utenti potevano aprire conti con i loro numeri di identificazione e trasferire denaro tra dollaro e gettoni digitali tramite un’app mobile.

Il governo ha spinto per questa iniziativa in quanto potrebbe risparmiare sui costi di sostituzione delle vecchie banconote con quelle nuove (circa $ 3 milioni) e quindi contribuire alla crescita economica e alla riduzione della povertà. Tuttavia, l’iniziativa CBDC al dettaglio non ha avuto successo a causa del numero limitato di utenti che utilizzano le CBDC al dettaglio per acquistare beni, servizi o pagamenti. Di conseguenza, l’iniziativa è stata terminata disattivando l’account nel 2017.

Uruguay

Il primo esperimento pratico è stato condotto dalla Banca centrale dell’Uruguay nel 2017-2019 come studio pilota di sei mesi sui pagamenti istantanei e sugli insediamenti utilizzando CBDC al dettaglio (chiamati e-Peso).

Utilizzando 20 milioni di pesos e convertendoli in valuta digitale, il progetto ha incluso circa 10.000 utenti di telefoni cellulari (senza la necessità di connettersi a Internet), 15 imprese (ad esempio, negozi e distributori di benzina), ANTEL (un fornitore di telecomunicazioni statale), così come diverse società fintech.e fornitori di soluzioni di pagamento.

Lo studio è stato completato senza alcuna difficoltà tecnologica e la Banca centrale dell’Uruguay ha concluso che il rilascio di CBDC al dettaglio ha beneficiato di risparmi sui costi, inclusione finanziaria, prevenzione della criminalità ed evasione fiscale e protezione dei clienti, sebbene l’esperimento sia stato condotto su scala limitata..

Lituania

La Banca della Lituania ha esaminato il suo CBDC sotto forma di moneta da collezione basata su DLT nel 2018 con il coinvolgimento di società fintech nazionali ed estere come parte delle iniziative di sviluppo del settore fintech. Poiché la Lituania ha adottato l’euro come moneta a corso legale, la banca centrale non è autorizzata a rilasciare risorse digitali al dettaglio per un uso più ampio come moneta a corso legale. Pertanto, è stato annunciato un piano per rilasciare monete da collezione digitali insieme a monete da collezione fisiche.

Sebbene la banca centrale sia dell’opinione che le istituzioni finanziarie non dovrebbero essere coinvolte nei servizi di criptovalute, lì è stato istituito il primo centro internazionale di blockchain in Europa e la banca centrale ha annunciato il suo piano per creare una sandbox con la piattaforma blockchain del servizio LBChain ..

Repubblica Popolare Cinese

La Banca popolare cinese (PBOC), la banca centrale della RPC, ha istituito l’Istituto di moneta digitale nel 2017 ed ha esplorato la possibilità di emettere la sua criptovaluta di proprietà statale basata sullo yuan attraverso banche commerciali nei cosiddetti sistemi a due livelli..

Pechino ha già annunciato che è pronta per il lancio e che la valuta digitale può essere integrata nel sistema bancario esistente dalle banche commerciali che gestiscono i portafogli digitali al dettaglio CBDC e il pubblico in generale può condurre transazioni peer-to-peer come i contanti. Le monete utilizzeranno un libro mastro distribuito in modo limitato per la verifica periodica della proprietà.

Tunisia

L’iniziativa della Tunisia è stata promossa direttamente dal governo. I token digitali basati su DLT “e-Dinar” (versione digitale del dinaro tunisino) sono stati lanciati nel 2015 con il supporto di una società svizzera e di società fintech locali. Questo è finora il primo caso di successo di emissione di una moneta digitale da parte di un’agenzia governativa o della Banca centrale nel mondo. I token digitali sono attualmente elencati nello scambio globale di criptovalute e possono essere utilizzati in Tunisia per trasferire fondi, pagare beni e servizi online, pagare stipendi e bollette.

Isole Marshall

Un’altra iniziativa guidata dal governo è nelle Isole Marshall, dove il dollaro USA è la moneta a corso legale dal 1982 e non esiste una banca centrale. Nel 2018, il governo ha proposto di introdurre il proprio asset crittografico di proprietà statale chiamato “sovrano” (SOV), che è la seconda moneta a corso legale a completare il dollaro..

Il Parlamento ha approvato la legge sulla valuta sovrana nel febbraio 2018 per autorizzare l’emissione. La principale motivazione alla base di questa iniziativa è quella di prepararsi alla prevista riduzione delle sovvenzioni previste dallo US Compact Trust Fund, istituito dal governo degli Stati Uniti per compensare i cittadini Marshall colpiti da test nucleari condotti vicino al Paese dopo il 2023 e per acquisire nuove fonti di reddito ..

Venezuela

Il Venezuela è l’unico paese a emettere una moneta digitale finanziata dal governo. La moneta digitale Petro è stata emessa nel 2018 ed è sostenuta dal petrolio delle riserve del paese. Completa il bolivar come moneta a corso legale. L’obiettivo principale dell’emissione di una moneta digitale è aggirare le sanzioni finanziarie imposte dagli Stati Uniti.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha risposto a questa iniziativa vietando le transazioni che utilizzano questa risorsa crittografica.

Conclusione

Se le banche centrali riescono a superare gli ostacoli tecnici, le valute digitali del governo possono fornire rimesse più veloci ed economiche attraverso i confini e migliorare l’accesso al corso legale nei paesi in cui le disponibilità di contante si stanno riducendo..

Il documento del World Economic Forum ha sottolineato che le nuove valute potrebbero offrire agli investitori al dettaglio posti più sicuri in cui risparmiare se consentisse loro di aprire conti presso la loro banca centrale e potrebbero abbassare le barriere di prezzo che attualmente lasciano circa 1,7 miliardi di persone senza servizi bancari..

Alcuni economisti sostengono addirittura che avrebbero potuto rendere la politica monetaria più efficace consentendo il rollover totale dei tassi di interesse. Per la Cina, la valuta digitale offre un possibile modo per tenere il passo e controllare un’economia in forte espansione. D’altra parte, può anche fornire al governo un ulteriore strumento di controllo.

In definitiva, le banche centrali possono assumersi la responsabilità di condurre la due diligence della clientela, soddisfare i requisiti antiriciclaggio e di finanziamento antiterrorismo e fornire informazioni fiscali..

Disclaimer. Le informazioni fornite non costituiscono una consulenza finanziaria e sono presentate a scopo didattico. Questo post esprime l’opinione personale dell’autore, non deve coincidere con l’opinione dell’amministrazione di 3commas.io.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me