Valute del futuro

L’economia mondiale ha subito un lungo e complesso processo di emersione dal baratto alle valute legali e alla DeFi. Sebbene il mondo finanziario si stia evolvendo, le valute moderne e i loro analoghi hanno ancora svantaggi significativi. Parliamo di quale sarà la valuta del futuro, se sostituirà il denaro fiat esistente e cosa richiederà la trasformazione del moderno sistema monetario.

Carenze del sistema finanziario esistente

Per capire come dovrebbero essere le valute future, dobbiamo affrontare gli svantaggi del denaro fiat, che ora utilizziamo come principale mezzo di scambio. Hanno molti svantaggi: dalla gestione centralizzata all’inflazione. Vorremmo esaminare gli svantaggi delle valute legali in uso oggi.

Centralizzazione 

La gestione e il controllo dell’emissione e della circolazione del denaro sono concentrati nelle mani delle banche centrali. Le CB determinano la quantità di valuta da emettere e stabiliscono i tassi. Quando le banche centrali immettono in circolazione nuove unità, il valore di ciascuna unità separata diminuisce. Da un lato, questo è il modo in cui le banche emittenti possono controllare il livello di inflazione nel paese e fornire un flusso aggiuntivo di valuta se lo stato non ha abbastanza soldi. Tuttavia, il potere d’acquisto dei consumatori si riduce e il denaro nelle tasche di ogni persona viene svalutato.

Inoltre, questo approccio può portare al collasso economico e vari effetti negativi: default, svalutazione e persino iperinflazione. Alcuni paesi possono dipendere da altri in misura diversa e prendere in prestito denaro l’uno dall’altro.

Inflazione

Come accennato in precedenza, il denaro viene svalutato a causa dell’inflazione. L’inflazione si verifica quando l’offerta di valute supera di gran lunga la domanda. Per ridurre i rischi, è necessario garantire un’offerta limitata, in quanto implementata in alcune criptovalute: l’emissione di Bitcoin è limitata a 21 milioni di monete. Una volta che i minatori avranno ottenuto l’ultimo bitcoin, sarà impossibile ottenere nuove monete e l’offerta sarà limitata.

Ciò significa che man mano che la domanda di criptovaluta cresce, il suo tasso salirà. Questo è il valore principale delle criptovalute. Ad esempio, la blockchain di Bitcoin detiene un meccanismo di protezione contro la deflazione: gli halving. Circa ogni quattro anni, la ricompensa del blocco viene ridotta della metà. Di conseguenza, diventa sempre più difficile estrarre nuove monete e l’emissione rallenta naturalmente. Ma il principale svantaggio di questo approccio è l’algoritmo di mining Proof-of-Work (PoW) obsoleto, che richiede enormi investimenti energetici.

Se parliamo di paesi sviluppati, le loro valute rimangono relativamente stabili. Tuttavia, non tutto è così liscio nei paesi in via di sviluppo: spesso sono iperinflazionati, che poi praticamente svalutano le loro valute. Ricorda le storie della Grecia e dello Zimbabwe, dove l’inflazione supera il 10% al giorno. Ma l’Ungheria detiene il record assoluto di iperinflazione: dal 1945 al 1946, il valore della valuta nazionale si dimezzava ogni 15 ore e l’inflazione giornaliera totale ha raggiunto un inimmaginabile 207%. Questo ha distrutto l’economia statale. Ovviamente la situazione è stata aggravata dal dopoguerra, ma tali eventi sono il modo migliore per identificare le carenze del sistema finanziario. 

Vincolo alle valute di un determinato paese

Un altro svantaggio delle valute moderne è l’elevata volatilità. Il più delle volte, la volatilità è bassa e raramente raggiunge anche una piccola percentuale al giorno. Ma in tempi di crisi economica, i tassi di cambio possono cambiare notevolmente. Le valute più popolari al mondo sono il dollaro (USD), l’euro (EUR) e la sterlina britannica (GBP). Durante le crisi, gli investitori vendono i loro beni, il più delle volte per dollari o euro. Di conseguenza, queste valute possono crescere rapidamente di diverse decine di percento rispetto alle valute nazionali degli stati con economie più deboli.

Nel frattempo, le persone non possono utilizzare dollari o euro per i pagamenti nei loro paesi al di fuori degli Stati Uniti e dell’UE. Certo, le persone possono acquistare valuta estera e pagare beni nei negozi online stranieri, ma il problema delle importazioni costose rimane ancora nei paesi in cui l’economia è meno sviluppata.

Come sarà la valuta del futuro?

Ovviamente, le valute digitali sono il futuro. Le banche centrali di vari paesi stanno già sviluppando le proprie valute digitali della banca centrale (CBDC), che le persone potrebbero utilizzare ovunque. La Cina, che nel 2017 ha cercato di vietare le criptovalute, e la Svizzera hanno effettivamente guidato il movimento e presentato le loro versioni pilota.

Questo denaro esisterà solo virtualmente e ci sono vantaggi in questo. Ad esempio, il denaro contante può trasmettere virus e molte altre infezioni. Le valute digitali saranno al centro dell’economia futura.

Le valute del futuro saranno gestite tramite blockchain. Naturalmente, le banche centrali manterranno il controllo sulle emissioni e sulla velocità, ma ciò ridurrà i costi finanziari e renderà i servizi bancari più accessibili. Le banche moderne stanno rapidamente passando al banking remoto tramite app mobili. Ad esempio, la famosa banca russa VTB prevede di chiudere circa 400 filiali nel prossimo futuro.

La futura economia dovrebbe diventare più decentralizzata piuttosto che concentrata nelle mani di poche grandi banche. Ciò renderà le valute più interoperabili e, di conseguenza, più richieste. Tali valute digitali potrebbero davvero competere con il dollaro e altre valute popolari, frantumando la loro incondizionata credibilità.

Finora, le banche centrali non hanno sviluppato regole standard su come funzioneranno le nuove valute digitali. Ma una cosa è chiara: non dovrai più passare attraverso una lunga catena di adempimenti burocratici per inviare denaro dal paese A al paese B o acquistare qualsiasi merce in un negozio online. Le transazioni stesse saranno anche più economiche, fino al punto in cui le commissioni potranno arrivare a zero.

Il CEO di Twitter, Jack Dorsey, ritiene che Bitcoin e blockchain determineranno il futuro dell’ambiente finanziario digitale e Internet ha bisogno della propria valuta. E la migliore implementazione è Bitcoin, che ti consente di creare un sistema affidabile. E il famoso scrittore Jeff Booth ha detto che Bitcoin diventerà la valuta di riserva mondiale e tutte le valute nazionali saranno legate al prezzo della prima criptovaluta. Booth prevede anche che i tassi di interesse continueranno a scendere fino a quando le valute non crolleranno. Ad esempio, nell’estate del 2020, la Federal Reserve statunitense ha promesso di mantenere il tasso chiave vicino a zero per i prossimi anni.

Un’economia basata sulla concorrenza piuttosto che sul dominio

È probabile che la nuova economia digitale crei un ambiente naturalmente competitivo in cui il dollaro perderà la sua posizione dominante e emergeranno alternative in grado di fornire condizioni stabili per i trasferimenti transfrontalieri e altre forme di transazioni.

L’ex governatore della Banca d’Inghilterra Mark Carney osserva che la nuova valuta digitale sarà supportata da un ampio gruppo di paesi diversi e potrebbe diventare un serio rivale del dollaro, in quanto non sarà legata all’economia di un determinato paese.

Certo, Bitcoin ha tutte le possibilità per diventare una di queste valute, creando diversità nel mercato, ma sarà possibile se raggiungerà una capitalizzazione leggermente inferiore a quella delle grandi valute. Anche se lo fa, non accadrà presto. Inoltre, la blockchain di Bitcoin è notevolmente obsoleta a causa di transazioni lente e costose, il che la rende quasi inadatta a reti bancarie così grandi. Tuttavia, gli sviluppatori sono stati in grado di trovare soluzioni per velocizzare le transazioni, come Lightning Network, che rendono le transazioni veloci ed estremamente economiche.

Valuta digitale universale: utopia o realtà?

L’idea di creare una moneta digitale universale può sembrare utopica, ma sarà l’unico modo per implementare una valuta internazionale che non sia legata all’economia di un determinato Paese e possa essere gestita in modo decentralizzato.

È improbabile che le banche trasferiscano le redini del governo alla comunità globale, ma alcuni progetti blockchain hanno già implementato il principio della gestione decentralizzata, noto come Decentralized Autonomous Organization o DAO. Grazie a questo approccio, diversi paesi possono concordare come gestire le valute: ad esempio, se emettere nuove unità o, al contrario, “bruciare” quelle esistenti.

La creazione di una moneta digitale unica e universale renderà più facile l’utilizzo dei sistemi bancari in tutto il mondo. Ma cosa succede se i governi di diversi paesi non riescono a mettersi d’accordo tra di loro e in che modo ciò influenzerà l’economia di un determinato paese? Queste domande devono ancora essere risolte.

È altamente dubbio che i governi e le banche centrali saranno in grado di mettere le criptovalute come Bitcoin o Ethereum al centro del futuro ecosistema mondiale. D’altra parte, gli utenti dovrebbero avere la possibilità di scegliere: questa è una delle caratteristiche chiave di un mercato equo. I consumatori hanno il diritto di decidere quale valuta utilizzare per acquistare un prodotto online. Internet è uno spazio libero. Almeno, dovrebbe essere, e le criptovalute dovrebbero essere al centro di questo spazio.

Ora più che mai, dobbiamo trasformare il mondo finanziario, a giudicare da come i tassi di cambio stanno crollando in mezzo alla crescita del dollaro USA e dell’euro. Persino dignitari come Mark Carney e il capo della BCE Christine Lagarde si sono resi conto del valore delle valute digitali e hanno ripetutamente parlato della loro emergenza.

In una forma semplificata, le valute digitali del futuro possiedono le seguenti caratteristiche:

  • Basato su blockchain con unità di pagamento autonome;
  • Non legato all’economia di un determinato paese (USA) o di un gruppo di paesi (UE);
  • Facilmente accessibile per scambio e pagamenti transfrontalieri;
  • Gestito in modo decentralizzato, piuttosto che da un unico soggetto;
  • Non soggetto a manipolazione, ma che fornisce un’offerta finita preservandone il valore.

Un’immagine ideale della valuta digitale del futuro non è stata ancora sviluppata, ma nei prossimi due anni possiamo vedere le sue prime implementazioni e confrontare quanto supereranno le valute esistenti che chiaramente non hanno posto nell’ecosistema del futuro.

Dichiarazione di non responsabilità: il contenuto di questo articolo non è inteso come consiglio finanziario e non deve essere trattato come tale. 3commas ei suoi autori non si assumono alcuna responsabilità per i tuoi profitti o perdite dopo aver letto questo articolo. L’articolo è stato presentato per fornire ai lettori informazioni generali. C’è solo esperienza personale qui descritta. L’utente deve fare la propria ricerca indipendente per prendere decisioni informate riguardo ai propri investimenti in criptovaluta.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
map