Idee passive per il reddito crittografico: DeFi-staking

La crescita della tecnologia blockchain ha un effetto innegabile sull’evoluzione del crypto-mining. Il primo algoritmo utilizzato nelle criptovalute è stato Proof-of-Work (PoW) che richiede potenza di calcolo per proteggere la rete e raggiungere il consenso. È stato sostituito da Proof-of-Stake (PoS) e dalle sue modifiche: DPoS, APoS e altri. Richiedevano grandi quantità di token per eseguire il nodo, ma lo staking delegato consentiva di ricevere ricompense anche con investimenti minori. Ma con lo sviluppo dell’ecosistema DeFi, il mining ha raggiunto un nuovo livello: la redditività è aumentata notevolmente senza la necessità di grandi investimenti. La scorsa settimana abbiamo già esaminato diversi modi per aumentare passivamente le posizioni delle criptovalute. Nell’articolo di oggi, esamineremo in che modo il DeFi-staking differisce dal PoS e da algoritmi di consenso simili, descrivendo i pro e i contro di ciascun approccio.

Tipi di DeFi-mining

Il mercato DeFi offre servizi finanziari che operano in modo autonomo sulla blockchain e fungono da alternativa alle banche moderne. Tali sistemi non richiedono personale: né supervisori né dipendenti. Quindi, anche i costi sono ridotti. Ciò consente a DeFi di fornire servizi finanziari più accessibili rispetto alle banche tradizionali.

Tutte le transazioni blockchain sono controllate da contratti intelligenti, che fungono da garanti delle piattaforme bloccando i token. Ciò garantisce la sicurezza dei titolari di gettoni. Tuttavia, uno smart contract deve essere sicuro al 100%: se il codice viene violato, gli aggressori possono ritrovarsi con una notevole somma di denaro. Questo è il rischio critico di questo tipo di mining. Ma prima consideriamo i principali tipi di DeFi-mining e poi esaminiamo i loro pro e contro.

Produzione agricola

Questo tipo di DeFi-mining è probabilmente il più popolare. È anche chiamato liquidity mining. L’essenza è che i titolari prestano ETH a determinati progetti e vengono ricompensati a un tasso fisso o variabile. In altre parole, i miner formano un pool di liquidità. Nel settore finanziario tradizionale, questo ruolo è svolto dai principali attori: fondi di investimento, banche, venture capitalist e grandi investitori privati. Questo è spesso inaccessibile per i piccoli investitori, ma Yield Farming cambia tutto e rende il mercato aperto a una vasta gamma di utenti.

Di norma, il tasso dipende dal numero di fondi bloccati su uno smart contract: maggiore è la somma, minore è il tasso di interesse. E i possessori possono utilizzare i token della piattaforma ottenuti dall’estrazione di liquidità per reinvestirli in pool di liquidità e così via.

Accreditamento

Su piattaforme blockchain come Compound o MakerDAO, gli utenti possono ricevere ed emettere prestiti flash garantiti da Ethereum (ETH). Gli utenti composti possono guadagnare token COMP non solo per i depositi ma anche per l’assunzione di prestiti.

Pro e contro del DeFi-mining

Lo svantaggio principale sono le commissioni: la piattaforma Ethereum non sempre riesce a far fronte al carico, che è aumentato a causa del boom della DeFi. Ciò ha portato al fatto che le commissioni di transazione hanno raggiunto una dimensione senza precedenti: al picco della rete Ethereum, le commissioni hanno raggiunto $ 14.

Supponiamo di avere $ 1000 in ETH e di volerli bloccare nel pool di liquidità di Uniswap al 20% annuo. Al momento della scrittura, la commissione media della rete Ethereum è di $ 2,3, quindi pagherai $ 4,6 per depositare e ritirare i token. Alla fine della giornata, spenderai $ 6,9 per tre transazioni, ovvero lo 0,69%. Con un tasso di interesse del 20%, il rendimento sarà di circa lo 0,05% al ​​giorno. Ci vorranno almeno due settimane per raggiungere il punto di pareggio. Ma devi anche considerare che le commissioni possono aumentare, incidendo negativamente sul tasso di interesse, che ti farà tornare indietro ancora di più. Più basso è l’importo investito, più lontano è il punto di pareggio.

Nel caso del PoS, gli utenti pagano una piccola commissione, che di solito non supera i pochi centesimi. Gli script PoS utilizzano protocolli blockchain ad alte prestazioni come Cardano (ADA), TRON (TRX), Tezos (XTZ), Cosmos (ATOM) e altri. D’altra parte, con il rilascio della mainnet Eth 2.0, il costo delle transazioni scenderà in modo significativo, mentre la velocità aumenterà notevolmente. Tuttavia, la rete Ethereum 2.0 aggiornata non verrà rilasciata fino al 2021.

Rispetto allo Yield Farming, il rendimento dello staking è notevolmente inferiore e la soglia di ingresso è piuttosto alta. Il rendimento del PoS raramente supera il 10% annuo. Inoltre, è necessario configurare ed eseguire il proprio nodo di convalida. Ovviamente, molte piattaforme blockchain ti consentono di delegare i tuoi token ai validatori, ma quelli a loro volta addebitano una commissione media dal 5% al ​​10% del reddito.

Inoltre, l’interesse per l’estrazione di liquidità viene distribuito più spesso. Le criptovalute basate su PoS ti ricompensano con token per un certo numero di cicli, che possono richiedere da diversi giorni a un mese. Questo dipende dalla particolare blockchain. I pool di liquidità calcolano gli interessi su base giornaliera ei detentori possono utilizzarli per reinvestire e quindi ricevere un reddito maggiore a causa dell’interesse composto. Tuttavia, con piccoli investimenti, le commissioni elevate della rete Ethereum praticamente annullano questo vantaggio.

Yield Farming è più redditizio, ma non dimenticare i rischi: il liquidity mining, a differenza dello staking PoS, non garantisce la redditività. Come con Yield Farming, lo staking classico offre un tasso variabile tipico. Ma i possessori non sopportano rischi aggiuntivi oltre a un calo del tasso di cambio di una particolare criptovaluta e la probabilità di hackerare il codice sorgente della blockchain.

Le carenze con PoS e liquidity mining, in relazione all’impatto sul tasso ricevuto, sono simili: all’aumentare del numero di token bloccati crescono i rischi di un crollo del tasso dovuto alla volontà dei possessori di realizzare i profitti. Se in questo momento, gli investitori iniziano a ritirare ETH in blocco dai protocolli DeFi e li vendono in borsa, il tasso di cambio della moneta può facilmente scendere del 50% o anche di più. Lo stesso vale per le criptovalute PoS. Tuttavia, i miner di liquidità non hanno bisogno di fissare i profitti in token ETH: possono solo vendere token di piattaforma estratti per realizzare un profitto. Tutto quanto sopra dipende principalmente dai grandi investitori: se iniziano a prelevare fondi, è probabile che seguiranno investitori più piccoli.

Conclusione

Possiamo sicuramente dire che l’elevata redditività di Yield Farming ha causato un vero scalpore nel mercato delle criptovalute. Ma l’estrazione di liquidità comporta rischi aggiuntivi, ad eccezione di un possibile crollo dei tassi. Ci sono stati casi in cui le violazioni dei protocolli hanno portato a gravi conseguenze negative. Un vivido esempio è la situazione Sushiswap (SUSHI) e Maker (MKR). Quest’ultimo ha perso il 99% di liquidità dopo un grande afflusso di utenti DAI e il drammatico aumento del 10% della stablecoin. Il protocollo semplicemente non è riuscito a garantire il collegamento del token a USD.

Commissioni elevate nella rete ETH rendono l’estrazione di liquidità quasi non redditizia per i giocatori più piccoli. Per gli investimenti a lungo termine, l’agricoltura di rendimento è più interessante in termini di ROI. Ma devi essere preparato al fatto che il TAEG diminuirà con l’aumentare del pool di liquidità: più è grande, più piccola sarà la tua quota.

Dichiarazione di non responsabilità: il contenuto di questo articolo non è inteso come consiglio finanziario e non deve essere trattato come tale. 3commas ei suoi autori non si assumono alcuna responsabilità per i tuoi profitti o perdite dopo aver letto questo articolo. L’articolo è stato presentato per fornire ai lettori informazioni generali. C’è solo esperienza personale qui descritta. L’utente deve fare la propria ricerca indipendente per prendere decisioni informate riguardo ai propri investimenti in criptovaluta.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
map