Attualmente, la soluzione di archiviazione delle informazioni non locale più popolare è l’archiviazione cloud come Google Disk, Dropbox, Mega e database come MySQL e MongoDB. Tuttavia, le aziende possono controllare il contenuto di questi repository e le tue informazioni potrebbero essere censurate.

In questo articolo, esamineremo le modalità di archiviazione delle informazioni sulla blockchain, nonché i pro ei contro.

Interazione dell’utente con il database

In pratica, l’interazione dell’utente con il repository si riduce a tre passaggi:

  1. Un utente carica i dati sul server di un’azienda utilizzando un desktop o un’applicazione web;
  2. L’azienda importa le informazioni sui nuovi dati al centro di elaborazione delle informazioni;
  3. Per accedere ai propri dati, l’utente invia una richiesta al data center, che fornisce l’accesso alle informazioni.

Indubbiamente, questo modello presenta diversi vantaggi:

  • CRUD – un acronimo per quattro funzioni di base utilizzate quando si lavora con i database: creare, leggere, aggiornare ed eliminare. Questo è un modello standard di interazione dell’utente con il database.
  • Spesso la velocità di elaborazione delle informazioni dipende solo dalla velocità di Internet dell’utente.

Altrimenti, tali archivi centralizzati non sono l’archiviazione di file più affidabile. Le informazioni sui file caricati vengono trasferite a terze parti e, in quanto tali, i server centralizzati vengono spesso presi di mira dagli hacker. 

Repository di dati su una blockchain

Utilizzare una blockchain per registrare le informazioni non è l’idea migliore poiché un blocco, un’unità strutturale della blockchain, ha una dimensione limitata. Ad esempio, la dimensione del blocco bitcoin è di 1 megabyte; quindi non è possibile inviare un file più grande di 1 megabyte alla blockchain. Dobbiamo anche tenere conto del costo di invio di questo file.

Diamo un’occhiata al blocco # 637352 della rete Bitcoin.

 

Una commissione per l’aggiunta di transazioni al blocco era pari a 0,47462040 BTC o $ 4372. Supponiamo che questo blocco sia “pieno”, quindi pari a 1 megabyte. Si scopre che per inviare un file da 1 MB, dobbiamo pagare più di $ 4000. Dobbiamo anche ricordare che il file sarà visibile a tutti i partecipanti alla rete.

Tuttavia, la blockchain di Bitcoin è eccellente per l’invio di brevi messaggi. La frase media in inglese è composta da 15-20 parole, dove una parola, in media, è composta da 6 caratteri. In totale, otteniamo circa 140 caratteri in una frase o 140 byte di informazioni.

Di conseguenza, otteniamo $ 0,5 per messaggio + commissione per il trasferimento di fondi.

File system peer-to-peer

Il file system peer-to-peer più popolare è IPFS o Interplanetary File System. Questa tecnologia blockchain è basata sul protocollo BitTorrent, che prevede la suddivisione dei file in frammenti e l’archiviazione di più copie di tali file sui computer dei partecipanti al sistema.

Questo metodo ha diversi vantaggi:

  • Il file verrà scaricato dagli utenti interessati;
  • I file popolari vengono scaricati / distribuiti molto rapidamente;
  • I dati dipendono dall’indirizzo, quindi è impossibile falsificare il contenuto interno del file;
  • È una soluzione peer-to-peer.

Esaminando le carenze, possiamo notare che i file possono essere caricati sulla rete solo se l’utente è online e, come tale, un sistema serve solo dati statici. Inoltre, si può accedere al file solo se si conosce il suo nome.

In questo schema, la blockchain viene utilizzata come intermediario che collega i partecipanti ed è responsabile della verifica dell’autenticità e dell’integrità dei file.

Archiviazione cloud decentralizzata

Queste sono normali opzioni di archiviazione cloud simili a Dropbox. Tranne che i dati non vengono depositati sui server aziendali, ma sui dispositivi degli utenti che li affittano.

Utilizzando tali soluzioni, i partecipanti alla rete non devono essere costantemente online per inviare informazioni. È sufficiente caricare una volta il file nell’archivio cloud. Tali depositi sono stabili, veloci e hanno enormi capacità.

Tuttavia, sono adatti solo per fornire dati statici e non supportano la ricerca per contenuto. Inoltre, non sono gratuiti, poiché i partecipanti noleggiano l’attrezzatura l’uno dall’altro.

Storj e Sia

Queste società operano secondo il principio delle piattaforme di trading. Promettono uno stoccaggio economico, rapido e sicuro; tuttavia, questo non significa che i loro servizi siano più economici di quelli di giganti come Google, Amazon o DropBox. È solo che ottengono profitto non solo dalle tariffe di noleggio ma anche dalle commissioni per le transazioni generate dal download e dall’estrazione dei dati.

Lo schema operativo di Storj e Sia è, infatti, l’intermediazione tra chi affitta i dischi rigidi e chi li affitta. Blockchain viene utilizzato come registro di transazioni, regolamenti finanziari e autenticazione di file nei database. Allo stesso tempo, i dati dell’utente stesso vengono memorizzati all’esterno della blockchain e possono essere cancellati o diventare inaccessibili in qualsiasi momento se i locatori decidono di eliminare i file o semplicemente disconnettere il proprio dispositivo dalla rete.

Filecoin

Filecoin è una piattaforma basata sulle stesse idee di Storj e Sia. La loro differenza è solo in due dettagli:

  • La piattaforma stimolerà nodi di media capacità per evitare la minaccia di centralizzazione da parte di grandi player e instabilità da parte di piccoli player.
  • Il sistema cercherà di trovare nodi per l’archiviazione dei dati il ​​più vicino possibile agli utenti che noleggiano questi nodi. Ciò aumenterà la velocità di download e upload, oltre a ridurre la possibilità di errori durante il trasferimento dei dati.

Utilizzando queste innovazioni, oltre a un algoritmo di consenso unico che stimola un aumento dello spazio su disco di rete, Filecoin intende superare Google e Amazon in termini di capacità di archiviazione nei prossimi anni.

Maidsafe

L’idea principale di Maidsafe è quella di creare una rete P2P completamente crittografata che sarà un database per lo scambio anonimo di informazioni attraverso livelli crittografati. È un analogo di Tor per l’archiviazione nel cloud. Ciò sarà possibile attraverso i tre elementi di Maidsafe:

  • Crittografia automatica: dati che si crittografano da soli. Quando un file viene caricato nella struttura di rete Maidsafe, viene suddiviso in numerosi piccoli frammenti che vengono auto-crittografati e distribuiti in tutta la rete. In questa forma, il file diventa illeggibile per chiunque tranne che per il proprietario.
  • Caching dei dati decentralizzato. I dati nella rete SAFE verranno archiviati in tutto il mondo e non sui server di una o più reti di società. Ciò renderà la piattaforma autonoma e aumenterà il livello di sicurezza delle informazioni.
  • Disponibilità dei dati. La rete crea e mantiene continuamente duplicati di tutti i file che archivia. Questa funzione porta a informazioni ridondanti, che dovrebbero proteggerle dalla perdita dovuta alla disconnessione dei singoli nodi.

Conclusione

L’utilizzo di una blockchain per l’archiviazione delle informazioni presenta alcuni svantaggi. Ad esempio, la velocità di download di un file dallo storage Sia sarà notevolmente inferiore rispetto a Dropbox. Tuttavia, ciò è compensato dalla sicurezza dei dati dell’utente.

Attualmente è in corso uno sviluppo per accelerare il trasferimento dei file e aumentare l’affidabilità dell’archiviazione decentralizzata dei file. Il progetto Filecoin sta lavorando in questa direzione e ha già investito 275 milioni di dollari nel miglioramento dell’infrastruttura nel 2017.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me